NICK OLIVERI

In occasione della data italiana a Bussolengo (al Gate 54) del tour di Mark Lanegan e Mondo Generator, cogliamo l’occasione per scambiare quattro chiacchiere con Nick Oliveri e Ben (chitarra, membro dei Winnebago Deal).
Si è più volte sentito parlare dell’uscita di un tuo album acustico previsto per lo scorso anno, cosa puoi dirci a riguardo?
Nick Oliveri: L’album è in cantiere e cercheremo di pubblicarlo non appena possibile, nonostante gli impegni. Sono stato in tour con Mark Lanegan, ed ora è partito quello dei Mondo Generator, quindi al momento siamo fermi ma intendiamo portare a termine questo progetto.

Ho letto che tra i nomi dei tuoi musicisti preferiti spicca certamente quello di Johnny Cash; non pensavi di includere una sua cover nel tuo album acustico?
Nick: Johnny è uno dei miei artisti preferiti, ma sai mi risulterebbe piuttosto difficile proporre una sua cover, è inimitabile.

Sappiamo che ora hai assoldato nei Mondo Generator i due membri dei Winnebagoo Deal,
volevo sapere se erano effettivamente parte della band e se saranno parte in causa nella scrittura dei nuovi brani.

Ben (chitarrista): Assolutamente, ora facciamo parte dei Mondo Generator a tutti gli effetti e presto sentirete nuovi brani in cui partecipiamo anche noi nella scrittura, come ti ho già detto facciamo parte della band ormai.

Scusa la domanda, e sentiti libero di non rispondere: cosa puoi dirci riguardo i tuoi attuali rapporti con Josh?
Nick: Vedi, Josh è sempre e comunque un buon amico, siamo ancora in contatto anche se entrambi occupati nei rispettivi tour, io coi Mondo lui in giro a promuovere il nuovo album dei QOTSA.

Cosa puoi dirci della collaborazione con Blag Dhalia e con Alfredo, col quale già hai inciso un brano incluso poi nell’EP?
Nick: Collaboro ancora con entrambi in diverse occasioni, ma nessuno dei due può effettivamente dirsi parte dei Mondo Generator, la formazione attuale è quella che avete potuto vedere stasera sul palco.

Sappiamo che hai una tua etichetta, la Tornado Records. Come procede questa impresa, avete in progetto di promuovere nuove band, e se sì quali?
Nick: A dire il vero la Tornado Records non esiste più; sai, è molto difficile riuscire a concilliare tutti gli impegni, da quelli di registrazione, alle collaborazioni, ai side project fino al tour stesso. Sono stato costretto ad accantonare il progetto.

Puoi dirci cos’è successo lo scorso anno in occasione della data fissata a Pinarella di Cervia e poi annullata?
Nick: Ho avuto dei problemi con gli altri componenti della band, cosa che ci ha costretto a non esibirci. Mi è dispiaciuto veramente molto.

Cosa ne pensi dei fan italiani?
Nick: Sono i migliori!

The Felon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *