JET + CALIBRO 35
Milano – Piazza Castello

Il Milano Film Festival arriva alla 14esima edizione e come di consueto i ragazzi dell’organizzazione hanno previsto, oltre alle varie proiezioni, una serie di attività ed eventi collaterali. Quest’anno il cartellone musicale era parecchio corposo e l’evento di spicco vedeva protagonisti i rocker australiani Jet e gli italianissimi Calibro 35: un’accoppiata anomala ma capace di richiamare un nutrito numero di spettatori grazie anche al prezzo (assente… e si, concerto aggratis!) e alla bellissima location (un Parco Sempione con vista di lato del Castello Sforzesco finalmente vivo anche di sera).
Alle undici in punto attaccano i Calibro 35 con “Titoli”, il main theme di “Indagine su un Cittadino al di Sopra di Ogni Sospetto”, e dimostrano da subito di essere, oltre che degli ottimi musicisti, anche dei discreti intrattenitori. Divertente come chi non conosce la proposta del gruppo, si lanci subito nel gioco della ricerca della citazione. Cosa appunto divertente all’inizio ma che con il passare dei minuti risulta un tantinello seccante (sentirsi urlare una volta “Panunzio” fa sorridere, sentirselo urlare per TUTTO il pezzo è un altro paio di maniche…).
Set breve di una 40 di minuti scarsi compreso bis, ma i Calibro 35 si dimostrano dei grandissimi musicisti ed una delle più belle esperienze sonoro dell’annata 2009 anche in sede live. I ragazzi scendono dal palco fra gli applausi e sicuramente tante persone, magari anche solo incuriosito dalle citazioni cinematografiche, si andranno a cercare il debutto targato Cinedelic Records.

Cambio di palco e tocca ai Jet accolti calorosamente da un pubblico accorso in gran parte per loro: reduci dalla pubblicazione del recente “Shaka Rock” i Jet suonano poco meno di un’oretta e sfoderano un pò tutte le loro hits più o meno note, sopratutto la strafamosa e acclamatissima “Are You Gonna Be My Girl”. Pur non essendo precisissimi nell’esecuzione nuda e cruda, i Jet portano a casa un bel concerto grazie alla freschezza e alla simpatia della band, capitanata da uno scatenato Nic Cester che improvvisa più volte qualche frase in italiano. Discreti anche i pezzi nuovi in particolare il singolo “She’s a Genius” e la divertente “La Di Da”, a dimostrazione che forse il botto commerciale non ci sarà più ma i Jet sanno ancora scrivere divertenti inni rock senza troppe pretese.

(Davide Perletti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *