Fuzz Club Eindhoven 2019

Fuzz Club Eindhoven 2019 ha annunciato altri 10 nomi che arricchiscono la line-up del festival.

Dopo i nomi dei primi gruppi (tra cui – fra gli altri – Kikagaku Moyo e The Soft Moon) e la seconda ondata di band (che include Teeth of the Sea e Snapped Ankles), si aggiungono altri pezzi da novanta al bill dell’evento olandese, che si terrà venerdì 23 e sabato 24 agosto al leggendario Effenaar di Eindhoven.

Ecco quali sono queste novità.

Night Beats
Experimental psychedelic R&B da Seattle: in parole povere, un pugno in faccia assestato come una carezza. Saranno in Europa per presentare il loro nuovo album, Myth of a Man.

Cosmonauts
Quartetto che arriva da Los Angeles (pubblica per Burger Records: una garanzia) ed è pronto ad inondare l’Effenaar di garage pop e trance rock.

Radar Men from the Moon
Giocano in casa al Fuzz Club: tra space rock ed elettronica psichedelica, la loro ultima uscita è stata condivisa con i portoghesi 10​​,​​000 Russos.

The Oscillation
Wasted Space è stato uno dei migliori dischi usciti nel 2018: tanto basta per legittimare l’attesa che la band di Demian Castellanos suscita.

Dead Vibrations
Direttamente da Stoccolma, frullano shoegaze, neo-psichedelia e rock’n’roll: divertimento assicurato per chi ama queste sonorità.

The Janitors
Ancora Stoccolma, stavolta in versione evil shoegaze boogie woogie: il quintetto garantisce heavy drones and fuzzed nightmares dal 2004.

JuJu
Gioele Valenti torna al Fuzz Club per presentare il suo nuovo lavoro, Maps & Territory, il sound mediterraneo dell’acid psych-rock.

The Gluts
Secondo round per la band milanese sul palco del festival, con in dote il nuovo album, Dengue Fever Hypnotic Trip. Italians do it better.

Routine Death
Trans-Oceanic music (darkwave + shoegaze + synth-pop) realizzata da Dustin e Lisa, lui di stanza a Austin, lei a Stoccolma. Se non sono matti non li vogliamo.

Firefriend
Trio brasiliano (da São Paulo) che cita tra le proprie influenze John Coltrane, Velvet Underground, Spacemen3, Céline e Jean-Luc Godard: può bastare?

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito ufficiale di Fuzz Club Records, mentre i biglietti possono essere acquistati qui.