AA.VV. – Clouds

Interessante iniziativa della neonata etichetta romana Raise Records: questa prima loro uscita è una raccolta EP che dà vetrina a cinque gruppi underground della capitale gravitanti nella scena post/shoegaze/sperimentale. Il tema della compilation ed il suo intento consistono nel renderci partecipi al concetto che siamo tutti piccole nuvole (da qui il titolo del disco) che oscillano nello stesso immenso cielo.Aprono i La Calle Mojada (gruppo già abbastanza noto fra i fan di queste sonorità) con un brano dream pop punteggiato da chitarre che passano con disinvoltura da delicati arpeggi ad autentici muri sonori. A seguire i Murmur, più sperimentali e vicini come mood a certe cose degli Hooverphonic (bellissima la voce femminile). Moka si esibiscono in un post rock dai toni decisamente liquidi, mentre i Design non disdegnano soluzioni “movimentate” in un contesto comunque cadenzato. Infine gli Zo.e, in assoluto il miglior gruppo della compilation: la loro “Secret Spot” è puro lirismo/ipnotismo shoegaze rimandante ai maestri Slowdive, una canzone da ascoltare all’infinito scoprendo ogni volta nuovi umori e stimoli sonori.
L’EP (confezionato in una semplice ma elegante confezione digipack) costa 5 euro e l’etichetta ha in programma due nuove uscite entro l’estate. Fatevi avanti.

Marco Cavallini