AXEHANDLE – Axehandle

Gli Alabama Thunderpussy si confermano uno dei gruppi più prolifici del panorama attuale e anche questa volta mantengono alta la media annuale di uscite. Infatti dopo il disco solista di Erik Larson e l’ultimo “Fulton hill” ora è volta degli Axehandle, progetto che vede impegnati il solito Larson (stavolta alle prese con voce, batteria e percussioni), Ryan Lake (basso e chitarra) e Bryan Cox (batteria e percussioni).Tre assatanati che in questa diversa incarnazione non perdono tempo e voglia per picchiare duro. Già, perché questo mini di sei pezzi si rivela davvero un lavoro con le palle. Un misto di sonorità sludge, southern e heavy psych impreziosito da echi tribali e condito da un’attitudine pulp a base di testi crudi ed immagini sanguinolente. Sei macigni che spaccano davvero il grugno, a partire dalla violenta “Face down” (percussioni e chitarre tesissime interrotte solo da uno stacco acido) per arrivare alla lunga estasi barocca di “Fine food”, oltre dieci minuti divisi tra rovelli psichedelici, riff dal groove titanico e vocals a dir poco inquietanti.
“All redheads are crazy” mantiene invece il tipico trademark Alabama Thunderpussy, melodia appiccicosa e partiture hard rock bollenti come il sole d’agosto. “Pulp” pesta pesante e dritto in faccia, senza alcuna concessione, mentre “The damage that can be done at the ocean” e “Self help” donano momenti di respiro grazie a liquide iniezioni lisergiche in un corpo sonoro ruvido e teso.
Ed è proprio questa sapiente alternanza di parti tirate all’inverosimile ed escursioni tribal psichedeliche la carta vincente degli Axehandle. A questo punto speriamo non si tratti solo di un progetto estemporaneo perché qui di talento ed arguzia compositiva ce n’è davvero molta.

Alessandro Zoppo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *