CAMAROS – Romantique

Se un giorno i ghiacciai perenni del Nord Europa si dovessero sciogliere definitivamente la responsabilità sarebbe anche dei Camaros, quartetto norvegese fulminato dal garage depravato degli Oblivians e Chrome Cranks e sedotto dal southern stoner-blues di Five Horse Johnson e compagnia alcolica. Come non considerare infatti dei piccoli tributi alla degenerazione sonora brani come Please Mama, Please e In A Hole sorrette da una sezione ritmica tribale e immerse in un turbinio di rumore e groove?
Perché i brani dei Camaros innanzitutto sono carichi di groove messo al servizio di cavalcate proto-stoner come Babe, You Got Me Down e Romantique, del puro garage rockabilly come Cheesecake o del punk’n’roll alla Stooges di Hell-O-Hell.

Le dinamiche sono quelle del rock più primitivo, furore elettrico fuso a momenti di stasi che preannunciano sempre una successiva e più violenta esplosione, una formula semplice quanto magica per chi sa come arrivare dritto al cuore e mantenere l’adrenalina costantemente alta per quasi un’ora. Un’impresa non facile, bisogna dirlo, che però ai Camaros riesce molto bene.

Francesco Imperato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *