CARTAGINE – I

Landscape music. È cosi che si potrebbe definire la musica dei Cartagine, one man band drone doom proveniente da quel di Latina. A.G. porta avanti il vessillo dei vari Earth, sunn O))), Khanate e allegra (!) compagnia. Progetto messo in piedi nel 2013, arriva al debutto con “I”, prodotto dalla britannica Aeonair Productions e distribuito dalla Breathe Plastic Rec. Il disco si articola in quattro tracce che scandiscono un discorso unico. Un enorme e molitico suono, lasciato a macerare, poi preso e scosso dal suo torpore. Una lenta discesa nelle profondità della desolazione. Un gigante nero dalla durata di 44 minuti. Che la mente torni a “Earth 2: Special Low Frequency Version” o a “Black One” è obbligatorio dato l’enorme tributo che l’albmum paga a questi lavori. È questa l’unica lacuna di questo mammuth comunque valido: il fatto di inserirsi in un filone di per sé già eviscerato in ogni sua varia declinazione. Che tutto ruoti attorno al drone unico, senza interventi di sorta, è un’arma a doppio taglio, si rischia di finire nell’autoreferenzialità e ritrovarsi a riprendere un discorso già esaurito da altri, per giunta in maniera più esaustiva. Tuttavia “I” rimane un lavoro denso, oscuro e vibrante, che lascia ben sperare per il futuro prossimo.

Giuseppe Aversano