FALL OF THE IDOLS – The Seance

Diciamo la verità, quanti dischi doom sono usciti negli ultimi tempi di cui possiamo dire veramente bene? Direi pochi. E quando dico doom, intendo nella sua forma più classica ed opprimente quindi non contaminato da altri generi come ad esempio lo sludge, il postcore o lo stoner. I Fall of the Idols rappresentano un’eccezione.Nati in Finlandia, il loro esordio è datato 2006 ed era quel “The Womb of the Earth” dove il gruppo iniziava a tessere la propria tela verso un heavy doom poi portato in parte a compimento con l’attuale “The Seance”.
Come detto, la base non cambia ma cambiano le chitarre (che sono diventate tre) creando un muro sonoro non indifferente ed il contenuto, che si è appesantito non di poco, probabilmente dovuto al fatto della loro provenienza.
Il cantante Jyrki Hakomaki possiede un timbro vocale che lo fa avvicinare ad un Lee Dorrian più acerbo ma non di meno espressivo; si è parlato di Dorrian ed allora non si possono non citare tra le influenze un gruppo come i Cathedral. Ne è l’esempio un brano lento e sofferto come “Cathedral of Doom”(un titolo, una garanzia). Non si discosta molto anche la monumentale “Nosophoros”, forse il pezzo migliore della raccolta posto in apertura mentre risultano senz’altro interessanti anche “The Conqueror Worm” e “At the Birth of the Human Shadow”.I brani sono in media molto lunghi magari non particolarmente ricchi di idee (ma il doom si sa non si pone facilmente a cambiamenti) però in grado di tenere l’ascoltatore in uno stato di attenzione per tutta la durata del disco.
Ottimo l’artwork curato nuovamente da Albert Witchfinder (ex leader dei compianti Reverend Bizarre) per un album che comunque viene consigliato ai doomsters incalliti e a coloro molto aperti mentalmente.
Non tragga in inganno il voto (che in ogni caso è buono) ma è fatto volutamente poiché sono convinto che i nostri possano dare e fare in futuro ancora di più.

Cristiano “Stonerman 67”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *