FUEL FROM HELL – Fill You Up With Five Star Gasoline

Immaginate un miscuglio di AC/DC, Hardcore Superstar, Hanoi Rocks, Danzig, sleaze, scan rock e Detroit sound. Il risultato è “Fill You Up With Five Star Gasoline”, esordio sulla lunga distanza dei rockers nostrani Fuel From Hell. È da precisare la provenienza perché E.K Krawall (voce), Dam Littmanen (chitarre, voce), Steve Eighteen (chitarra), Max Velvet (basso) e Andy T.N.T. (batteria) di italiano hanno ben poco. A cominciare dal proprio immaginario, tutto auto veloci, Jack Daniel’s, belle ragazze e – ovvio – sano hard rock’n’roll. Di quello che si apprende dagli anni ’70, passa per Mötely Crüe e compagnia cotonata nel decennio successivo e arriva sano e salvo fino ad oggi grazie a gente come The Hellacopters e Mind of Doll.Undici brani che non inventano nulla di nuovo, sono grezzi e ruspanti al punto giusto, suonano come un tributo ai bei tempi che furono (su tutti “Vampira (Call of the Wild)”, “Heartbreaker” e “Ain’t Nobody”). In mezzo a tanto, godurioso e fracassone rock trovano posto anche un avvio funk che fa pensare a tutt’altro (“Manhattan Showtime 1979”), una semi ballad come “She’s Like a Drug” e un potenziale hit da classifica del calibro di “Spinning Wheel”.
Sembra Hollywood e invece è Trieste. Se volete rivivere atmosfere del genere, i Fuel From Hell fanno proprio al caso vostro. Take me down to the paradise city, where the grass is green and the girls are pretty…

Alessandro Zoppo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *