HAND OF DOOM – Live in Los Angeles: Black Sabbath Tribute

Ripeschiamo una piccola chicca per tutti gli amanti del Sabba Nero: questo album edito nel 2002 per Idaho Music è la fedele riproposizione di un live degli Hand of Doom, cover band dei Black Sabbath con la particolarità di vedere dietro al microfono Melissa Auf Der Maur (ribattezzata Iron Man per l’occasione!!), bassista già nelle fila di Hole e Smashing Pumpkins e dalla promettente attività solista con all’attivo due pregevoli album. Il concerto propone una scaletta che va a pescare tra alcuni dei classici della band di Ozzy e soci, spicca nel mucchio una pompata “War Pigs”, una divertente “Paranoid” (riproposta fedelmente, non nella versione ultra slow proposta da Melissa nei suoi concerti solisti) e una splendida ed accorata “Changes”. Decisamente fuori misura e completamente stonata (in tutti i sensi) la carrambata di Nick Oliveri in “The Mob Rules”, e pare quasi vedere il buon R.J. Dio scuotere benevolmente da lassù il testone riccioluto, un po’ come si fa con un figlio un tantinello scemo a cui si vuole comunque bene.
Tra il serio ed il faceto un dischetto simpatico, per nulla prescindibile, ma senz’altro particolare.

Davide Perletti