MORVIDA – Super Muff Ep

Arrivano da Pesaro e il titolo dell’ep è una carta scoperta: alternative rock aromatizzato allo stoner. Partenza poco incisiva con “The Circle”, brano rock ‘n roll dal sapore retro che però fatica a decollare. Molto bella e piena di groove invece la successiva “Age Of Empire”, suoni rotondi e corposi e testa che tiene il tempo con leggeri e costanti movimenti, per il miglior episodio dell’intero dischetto. La strada è ormai spianata visto che anche “Ghost C.” si assesta su livelli soddisfacenti, buon gusto e tanta genuina semplicità (l’unico pezzo a sfiorare i 5 minuti di durata, mentre tutti gli altri non raggiungono i 3 minuti). Finale con piede schiacciato sull’acceleratore e vento tra i capelli per “The Picture”, ultimo brano del lotto, ed anche il più veloce.Fin qui la parte strumentale. Ora passiamo ad analizzare l’elemento vocale. La voce di Paolo (anche chitarrista) poco si presta al genere dei Morvida, anche se comunque in grado di distribuire buone melodie, ma troppo fioca e fuori dai canoni. Forse è proprio questo che permette ai Morvida di apparire “diversi”, ma a mio avviso è una proposta che necessiterebbe di maggior grinta e minore dolcezza dietro al microfono.
Per il resto la band ha energia da vendere ed il loro rock è fatto bene!

Davide Straccione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *