OPERATOR GENERATOR – Operator Generator

La 12thRecords è senza dubbio un’etichetta valida e promettente in campo doom e heavy psych. Nella sua scuderia trovano posto band di grande valore, tra le quali spicca il nome degli Operator Generator. Anche se il loro debutto risale ormai al 2000, vale la pena recensire questo cd di tre pezzi perché le capacità del quartetto di San Josè sono ampie ed in prospettiva ricche di potenzialità.
Scorgendo il booklet (tra l’altro la grafica è stata affidata alle meraviglie psichedeliche della Malleus), balza subito all’occhio la presenza in line up di Thomas Choi, chitarrista noto per la sua militanza in una band ormai storica del panorama stoner come i grandiosi Sleep. Ed è proprio all’ex gruppo di Matt Pike che gli Operator Generator guardano con maggior devozione: i brani partono dalle coordinate sonore di album quali “Holy mountain” e “Jerusalem” e si evolvono lungo sentieri mesmerici e allucinati che uniscono doom, heavy psych e space rock.

L’inizio di “Arctic quest” è folgorante: una valanga in piena corsa si abbatte sulle nostre povere orecchie, inondate dai riff pachidermici di Choi e dal martellamento dell’incessante sezione ritmica composta da Anthony Lopus alla batteria e Joe Tucci al basso. Le vocals strazianti e dilatate di Mitchell French aggiungono il tocco finale, come evidente nella successiva “Infinite loop”, sei minuti di godimento assoluto, divisi tra feedback stordenti, fumose atmosfere ipnotiche e ossessive ripetizioni che richiamano in pieno gli Sleep, anche per l’impostazione “stonata” data ai testi. Dopo questa sbornia colossale, “Equinox planetarium” ci concede la mazzata finale grazie ad un concentrato di heavy space rock lisergico e tirato, degna conclusione di un quarto d’ora di pura follia sonica, che ha come suo unico difetto il fatto di trascorrere troppo in fretta…

Sono ormai due anni che aspettiamo con impazienza un full lenght in piena regola, speriamo che questo 2003 sia l’anno giusto…sarà la volta buona? Me lo auguro proprio…

Alessandro Zoppo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *