QUILL, THE – Hooray! It’s a death trip

Dopo appena un anno da ‘Voodo Caravan’ i The Quill risbucano dalle terre svedesi con ‘Hooray! It’s A Death Trip’, nuovo capitolo di hard rock settantiano maturo, sempre più focalizzato sulla melodia e ben rifinito negli arrangiamenti. Saggiamente la band non rinuncia all’impatto compiendo dei grossi passi avanti per rendere le canzoni snelle e consistenti.
La produzione di Daniel Bergstrand (In Flames, Meshuggah, Strapping Young Lad) è moderna – unica pecca a mio parere sono i suoni troppo freddi di batteria – ed esalta il ventaglio di sonorità del disco che a grandi linee si spinge verso un heavy-grunge a là Soundgarden/Audioslave. Insomma quanto di più lontano dalla novità assoluta ma non per questo meno vibrante.
Davanti ad alcuni pezzi così freschi e scintillanti non c’è novità che tenga; allo stesso modo si rimane perplessi davanti alla poca ispirazione di altrettanti pezzi che sembrano dei veri e propri riempitivi.

Quanto a impatto e potenza sono da segnalare Nothing Ever Changes, più riuscita della pur buona Spinning Around , e American Powder.
Su Too Close To the Sun i Quill rallentano i battiti, tirano fuori l’anima e si fanno condurre dalla voce di Magnus Ekvall, discepolo di Chris Cornell.
Hand Full Of Flies ha un leggero sapore psichedelico ed è un pezzo che avrebbe fatto scintille, come molti qua dentro, una decina d’anni fa. Su questo versante più completa è Control che si allunga sinuosa sul finire del disco.
Dalla torre sinceramente butterei giù la stanca Giver e riempitivi come Because I’m God. Ciò non toglie che ‘Hooray…..’ è un disco più che riuscito, per niente nostalgico e dal giusto appeal commerciale.

E sarebbe anche ora che i Quill si emancipassero dall’etichetta di “band dove suona Roger Nillson, bassista degli Spiritual Beggars, già in tour con gli Arch Enemy”.

Francesco Imperato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *