SCARECROW – Deadcrow

Giungono dalla Finlandia gli Scarecrow ma è come se vivessero in New Jersey in un grande baraccone animato, pieno di zombie, vampiri, licantropi e zucche di Halloween. “Deadcrow” è il loro debutto, con alle spalle una doverosa gavetta fatta di ep, 7”, 12” e split (in compagnia di Lucien e Sex Sex Sex). Quanto si ascolta in questo album è, neanche a dirlo, un horror punk alla Misfits/Samhain, condito con una impalcatura metal, tendenze hardcore e la quasi totale assenza di impatto melodico (se non nel punk’n’roll festaiolo e ubriaco di “Don’t open the cemetary gates” e nelle sotterranee, pestifere armonie di “Earth is dead”).Grim (basso), Jack (voce), Samsam (batteria) e Ruho (chitarra) si divertono a creare un immaginario lugubre e tenebroso, come nei migliori splatter o da festa di paese. Si sale sul carrozzone e il divertimento è assicurato. Il loro è un punk spinto fino all’eccesso, non a caso le ritmiche picchiano durissimo sfiorando il metal, i riff sono taglienti come lame e le vocals di Jack urlate fino all’inverosimile. Se ci si aggiunge una sana dose d’ironia (con titoli simpatici e di spirito come “Scumdogs” e “Dead & happy”) il gioco è fatto. Nulla di particolarmente originale (anzi…) ma un ascolto spassoso e ‘fanciullesco’.
Con una personalità più spiccata e una maggiore concentrazione nella stesura dei brani (12/13 canzoni sono davvero troppe anche se il disco non supera i 40 minuti…) gli Scarecrow potranno levarsi molte soddisfazioni, soprattutto placando la fame di chi ha nostalgia del Danzig dei vecchi tempi.

Alessandro Zoppo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *