SLIVERS – Melon Juices

Gli Slivers si sono formati nel 2006, tre scalmanati compagni di scuola accomunati dalla passione per la musica elettrica dai ritmi indiavolati, e dopo la solita trafila di show ed esperienze concertistiche decidono di incidere l’esordio “Mellon Juices” per la propria fantomatica D.I.Y. Baracca del Suono, un album che pesca molto dalle suggestioni degli anni 90, riproposte con una vena surreale che fa perdere un po’ la bussola all’ascoltatore.Sufficientemente dotati dal punto di vista tecnico, i pezzi dei nostri oscillano tra discreti brani rock’n’roll e altri episodi più sfilacciati e non proprio maturi, ma quello che conta in questo disco è senza dubbio la voglia di divertirsi e suonare il proprio materiale. Così ecco “Turn Around Fire” e “No Modern Kerouac”, due scariche fuzzose che fanno un po’ il verso ai Flamin Lips e al grunge, con allucinati rallentamenti e refrain direttamente estrapolati dal rock alternativo della scorsa decade.
“Song About Nothing” oscilla tra un’uggiosa ballata americana e velocizzazioni punk (che sono predominanti nella seguente “Sporca”).
Per il resto si prosegue coi duri indie punkoidi di “Strawberry & Potatoes”, “Work in Progress” e “Kill Jimm(y) Vol.1”, gli innesti folk e soul di “Alla Ricerca del Groove”, la trasognata “Affinità e Divergenze tra il compagno gian…” con piacevoli melodie e chitarre alla Dinosaur Jr., fino all’ultima “Rock’n’ Roll Heroes” che continua a far smuovere dalla sedia coi suoi ritmi.
Le due bonus track sono la cabarettistica “Parigi” e la rumorosa “Metropolitan Violence”, che non aggiungono molto a tutto il resto. Ancora c’è da migliorare, (soprattutto il mixaggio delle parti vocali, che risultano troppo alte), e il disco si perde un po’ troppo in episodi superflui e poco incisivi, ed è un peccato perchè gli Slivers mostrano un’attitudine rock’n’roll tutt’altro che disprezzabile in più di un’occasione (“Turn Around Fire” è il pezzo più convincente in assoluto), strada che tirando le somme rimarrebbe la migliore da seguire.

Roberto Mattei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *