SOURVEIN – Black Fangs

Avevamo ormai perso le tracce dei Sourvein, band storica dello sludge, attiva sin dal lontano 1993. E così, dopo appena due album, una manciata di ep ed una serie di collaborazioni con gente del calibro di Grief, Bongzilla e Church of Misery, si rifanno vivi con un lavoro nuovo di zecca ed una line-up completamente rinnovata eccezion fatta per T-Roy, membro fondatore, leader e cantante, oltrechè ex componente dei mai dimenticati Buzzov-en.”Black Fangs” non cambia di una virgola ciò di cui già si conosceva e questo potrebbe rappresentare un limite oppure essere una garanzia specie per i fan più incalliti del genere. Che è sempre quello: un blues corrotto e depravato miscelato alla faccia più feroce dell’hardcore, il tutto ovviamente rallentato dalle immancabili sonorità doom. Siamo pertanto dalle parti di mostri sacri quali Weedeater, Bongzilla e soprattutto Eyehategod, veri numi tutelari del gruppo.
Inutile parlare dei brani; vanno ascoltati tutti d’un fiato, dal primo all’ultimo. Va segnalata invece la presenza di Dave Sherman (ex Wretched e attuale membro degli Earthride) che suona il basso come se al posto delle corde ci fossero delle liane accompagnando il rantolo fangoso e putrescente di T-Roy. Ricordiamo anche che fece parte della band pure una certa Liz Buckingham (ora in pianta stabile negli Electric Wizard) e che suonò nel bellissimo “Will to Mangle” dell’ormai lontano 2003. “Black Fangs” non è a quei livelli, ma se avete conosciuto ed amato questa band potete lanciarvi nell’ascolto senza esitazioni.

Cristiano Roversi