STASH – Six of the best!

Se siete alla spasmodica ricerca di un sottofondo musicale adatto a ravvivare le vostre serate alcoliche gli Stash sono proprio il gruppo adatto! Di provenienza britannica (East Sussex per la precisione), sono in giro dal 2001 e hanno già condiviso il palco con gente del calibro di Artwoods, Downliners Sect, Atomic Rooster, Mott the Hoople e The Inspiral Carpets. “Six of the best!” è il loro primo lavoro e mette in mostra una band dedita al più classico british rock, quello di Rolling Stones, Small Faces, Yardbirds e The Who tanto per intenderci.
La registrazione lascia un po’ a desiderare ma le capacità compositive ci sono già tutte: a partire dalle iniziali “Down and dirty” e “Purely medicinal” è un susseguirsi di vibrazioni sessantiane come non se ne sentivano più da diverso tempo. La voce di Paul Mayhew è calda e trascinante, le chitarre di Jasper Vincent alternano partiture delicate ad assoli vivaci, la base ritmica (Oz Garvey alla batteria e Julian Hill al basso) regge il tutto con personalità ed eleganza.

Tuttavia non è solo rock nel senso tradizionale del termine ciò che sprigionano le note degli Stash: un brano come “New blood” si abbevera alla fonte della psichedelica classica targata Beatles e Cream, “Everyone knows” si arricchisce di melodie e chitarre jingle jangle (una sorta di amalgama tra Byrds e Blues Magoose), “Alive on arrival” affonda le proprie radici nel rock blues, la conclusiva “Moonshine melody” è un episodio di country folk acustico dal sapore notturno e malinconico.

Chi dalla musica pretende innovazione a tutti i costi stia lontano da questo dischetto. Gli altri, appassionati o meno di questo tipo di sonorità, diano una chance agli Stash, l’atmosfera da pub fumoso che la loro musica comunica colpirà di sicuro nel segno…

Alessandro Zoppo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *