STONER KINGS – Fuck the world

Nonostante uno dei nomi più brutti in circolazione, gli Stoner Kings tornano a farsi vivi dopo l’esordio “Brimstone blues” uscito nel 2002. Il nuovo “Fuck the world” è un lavoro ambizioso, nel quale la band ripone ampie aspettative. Ottima produzione infatti, artwork di lusso e una serie di ospiti d’eccezione: Alexi Laiho dei Children Of Bodom, Marco Hietala dei Nightwish, Pasi Rantanen e Nino Laurenne dei Thunderstone, Eero Kaukomies dei Gamma Ray e altri ancora, tutti divisi tra backing vocals e guitar solos.In effetti il sound degli Stoner Kings – a dispetto del nome – risente di influenze disparate. Se brani come “Mantric madness”, “Stem the tide” o “Burn you to ashes” spingono sul versante dello stoner groovy e roccioso (ma pur sempre melodico), episodi quali “Doomsday sunrise” e “One of the sane” virano verso soluzioni hard’n’heavy decisamente sleaze e pompose. Immaginiamo che nel background del gruppo finlandese ci siano di sicuro Motley Crue e Skid Row, così come il tiro selvaggio dei Black Label Society di Zakk Wylde. Non a caso le chitarre di Shank si concentrano su riff ‘ciccioni’ e possenti, esaltati dalle ritmiche quadrate di Blackie (basso) e Crash (batteria). La voce di Starbuck (singer canadese, oltre che noto campione di wrestling) è tosta e stentorea, proprio ciò a cui si pensa guardando il suo fisico.
Questa epica da moderni gladiatori viene fuori in pezzi come “Cyclone (the sky is falling)” e “Angel weed”, quest’ultima contraddistinta da un oscuro taglio ‘sabbathiano’ niente male. Altrove ritorna l’heavy stoner sound più granitico (“Heavy mushroom daydream” ricorda molto i Generous Maria, “Black lotus” è impreziosita dalle intriganti vocals di Tanja Kemppainen dei Soulgrind), mentre “Sweet misery” è un focoso e vibrante heavy blues, la song meglio riuscita dell’intero album.
Insomma, “Fuck the world” è un disco sicuramente piacevole ma non essenziale. Aspettiamo gli Stoner Kings alla prossima uscita con qualcosa di ancora più incisivo, perché le potenzialità ci sono tutte.

Alessandro Zoppo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *