THREE STEPS TO THE OCEAN – EP

Un gruppo che riflette al meglio le caratteristiche della flottiglia dei nuovi post-rockers psichedelici italiani risponde al nome di Three Steps To The Ocean, giovane band milanese già acclamata per le sue esibizioni live e per questo omonimo EP d’esordio, che a meno di un anno dalla sua uscita sta’ già rivelandosi un piccolo cult.Lo stile del quartetto è in effetti piuttosto maturo, e congiunge lungo un tragitto ellittico il rock di Tortoise, Silver Mt. Zion, Mogway e Godspeed You Black Emperor! alle attuali evoluzioni psichedeliche – pesanti e immaginifiche – dei nuovi signori Asva, Pelican e Red Sparowes, lambendo per brevi tratti pure i domini riservati ai 35007 di “Liquid” e agli ultimi Cult Of Luna. Pur non oltrepassando la soglia della sperimentazione, la musica dei TSTTO presenta un notevole appeal progressivo, ben equilibrato tra le compassate chitarre, la decisa e malleabile presenza della sezione ritmica, e un’effettistica elettro-analogica mai preponderante, che comunque non sommerge l’aspetto prettamente rock delle soluzioni compositive, anche quelle di lunga durata.
“Oceanside” è l’immersione negli abissi marini a seguito degli ultimi comandi impartiti da una centrale scientifica (sottolineata dagli arpeggi adagiati sulle onde), e si ingrossa solo dopo diversi minuti, generando un tipico post core atmosferico sospeso sulle creste dell’alta marea.
Ipoteticamente sovrapposta a delle scintille scaturite dalla superficie terraquea pare “Last Breath of Air (Oceanside pt.2)”, dove i break sono affidati ad un elettronico riff di synth che intrappola un evoluto brano elettroacustico dotato di buon eclettismo, che la dice lunga sulle possibilità di esplorazione future.
“Submerged Universe” è infine il pilastro di questo primo ottimo EP: riff post-doom – privati però di recrudescenza metallica – spostati verso una psichedelia visionaria, accompagnati da un soffio elettronico mai gelido e generatore di algoritmi musicali tra frattalismi acustici e tempestosi sommovimenti dello spirito. Il sussurro delle chitarre in questo brano è piuttosto raffinato e ben si coniuga ai dialoghi con le tastiere space-prog, rendendolo l’episodio di qualità superiore.
Una germinazione notevole quindi, non ci resta che attendere le prossime mosse: le coordinate musicali su cui si muove il genere dei TSTTO è vasto e pluridimensionale per sua stessa natura, e se da un lato paiono inevitabili i riferimenti (non calligrafici) ai maggiori nomi internazionali, dall’altro la forza espressiva scaturita da questi tre pezzi non lascia certo indifferente.

Roberto Mattei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *