TIRESIA RAPTUS – Tiresia Raptus

Meditazione e trascendenza, è questa l’essenza della ricerca che si cela dietro il progetto Tiresia Raptus. Idea nata da componenti di Doomraiser, Black Land, Foreshadowing e Der Noir, il collettivo mira alla sperimentazione sonora, concettuale ed esoterica. Carlo Gagliardi (basso), Nicola Rossi (voce, synth), Willer Donadoni (chitarre), Manuele Frau (chitarre), Luciano Lamanna (tastiere), Jonah Padella (batteria) e Marta Neri (voce) imbastiscono un trip che attraverso suoni e immagini «va a carpire la profondità delle dimensioni, per un’esperienza che proietta verso il Tutto». Rock per sviluppare i sensi sopiti, potremmo dire.È davvero soprendente quanto si ritrova in questo album d’esordio, pubblicato dalla sempre attenta BloodRock Records. Dopo la breve introduzione di “Whales”, “Memorie dal sottosuolo” (doveroso tributo a Fëdor Dostoevskij) affonda subito nella nera pece, nel buio di un’anima lacerata. Funziona alla perfezione il connubio di dark wave e occult psych rock, capace di scavare nella mente, portarne a galla le increspature nascoste. “Dal Limbo” si pone nella tradizione tricolore di (primi) Litfiba, Neon e Gaznevada, e in quella anglofona che da Joy Division e Suicide arrivò sino a Sisters of Mercy e alle derive di Psychic TV e Throbbing Gristle. Chitarre sottili e penetranti, drumming secco e marziale fino al fastidio fisico, vocals solenni ed evocative. “Viracocha” profuma chiaramente di dark sound d’antan, si assaporano le visioni erotico demoniache di Atomic Rooster e Agony Bag, mentre “Raptus” poggia su chitarre taglienti come lame e avvolgenti inserti di synth. “Guardiano della soglia” è la summa perfetta del sound griffato Tiresia Raptus: su un tappeto oscuro e ammaliante, si sviluppa una coda lisergica che emana un fascino sinistro. Come precipitare in una spirale e non vedere l’ora di sapere cosa c’è nel fondo. Punto di approdo ideale per il finale affidato a “Jesod”, misterioso ed inquietante ritorno alla purezza. Finalmente l’Albero della vita è pronto ad accoglierci.
I figli del sole sono giunti, aspettando la luce di una nuova alba. Dalla terra della quiete senza pace, arriva uno dei migliori dischi italiani del 2011.

Alessandro Zoppo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *