TUNATONES – Vulcano

Energico e sbarazzino, in perfetto accordo con il carattere più rockabilly, “Vulcano” dei Tunatones rappresenta un gioiellino sculettante per chi nel 2013 adora ancora le venature più seminali del rock. Non a caso, seppur possiamo definirlo molto generalmente un disco rockabilly, spuntano fuori limpidi richiami al surf rock e al country, lasciando tuttavia ampio spazio alla cura e alla ricchezza del suono. Eh sì, rispetto ad “iTunas”, loro precedente lavoro nonché album d’esordio del 2011, “Vulcano” è suonato meglio e registrato veramente bene, oltre ad avere carattere.Il trio apre il lavoro con l’introduttiva “El Tiburon”, strumentale, per poi passare subito alle carichissime “Rockin’ the Highway” e “Me and My Motorbike”, forse la hit più divertente del disco. “Like a Goddess” è una dovuta pausa, più tranquilla ma mai moscia, prima della strumentale ma sfrenata “Honkin’ Horns”, alla quale segue una vera e propria ballata, chiamata “B.F.D. – Big Fucking Deal”. Ma dopo avervi fatto ballare con la ragazza più bella del liceo c’è, giustamente, bisogno di un sottofondo più sensuale, più “soft”: ed ecco che arriva “Night Has Never Been”, che col suo contrabbasso caldo di fraseggi mai scontati adempie alla perfezione alla necessità. Non per niente è il pezzo che colpisce maggiormente: nonostante la facciata ed il carattere sbarazzino c’è una maturità musicale di fondo difficile da trovare in una band emergente.
“Take Surf” è un ulteriore pezzo strumentale, dall’appeal che non si dimentica. Stiamo giungendo alla fine del disco e gli animi sono ancora caldi, infatti la successiva “Bonneville Speed” ritorna a ritmi più movimentati e rockabilly ma con un andamento meno sbarazzino e più pacato. E qui sarebbe finito il disco se i nostri “tonni” non avessero deciso di inserirvi un ultimo divertente regalo: “Heavy Medley” è… un medley! Tre classici hard rock ed heavy metal rivisitati in chiave rockabilly, il tutto reso più divertente e fresco dalla presenza di fiati, un ultimo “tocco di stile” da parte del trio.
Non lasciatevi scappare un’ottima colonna sonora estiva se siete dei folli festaioli!

Gianmarco Morea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *