XKAYP – Kings of the stoner age

La seconda generazione stoner tricolore ha preso idealmente il via in quel lasso di tempo intercorso tra lo scioglimento dei Kyuss e allo start dei primi Queens Of The Stone Age, quando ancora la creatura di Josh Homme figurava come un nuovo progetto (split coi Beaver e con gli stessi Kyuss) che dava una struttura più definita alle composizioni delle Desert Sessions.
I romani Xkayp facevano parte di questa interessante matassa che si stava dipanando, ed è un merito che giovani musicisti avessero intrapreso la strada desertica di Q.O.T.S.A., Kyuss e Natas in un periodo in cui si faceva a gara ad essere i nuovi Korn o Stratovarius, sempre ovviamente con le dovute proporzioni.

“Erosion” è già una summa dei gruppi succitati, molto ben suonata e piena di vigore, e nonostante la registrazione soffra un po’ di mancata amalgama tra gli strumenti, risulta di buon livello.

“Supernova Superstar” è più breve e diretta, mentre “Caboto’s Trip” è un altro bel classico viaggio stoner, in cui le fasi acustiche iniziano ad imparentarsi con il post-rock dei June Of 44, mentre molto spostata sul crossover, con fraseggi funky schizoidi, è “Need Promohelp”.

Sul secondo lato, dopo il riuscito intro etno-psych “Tyrrhenian Hyperite”, troviamo “Kuna Kyne Typhoon Burra”, stoner-psych articolato tra caratteristici riff grossi e polverosi, e fasi acustico-percussive, vicino a Demon Clearer e Lowrider.

Molto tribale “Dhurumtollah’s Theme” (con tanto di maracas) e infine una disperata, ma sincera, emulazione del Sole Rosso in “Theoria”.

Un discreto biglietto da visita, probabilmente proseguendo non avrebbero deluso.

Roberto Mattei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *