GOODBYE BOOZY RECORDS

La Goodbye Boozy Records fa dischetti meravigliosi. Alla soglia dei 14 anni conta circa un centinaio di uscite tra 33 giri (4 ad essere precisi) e 7 pollici. In mano abbiamo questi numeretti: 78, 82 e 83 e vi diamo un consiglio spassionato: giocateveli al lotto. Perché i numeri di Gabriele Di Gregorio, ogni volta che li ha dati, sono risultati gran numeri. Partiamo con “Blood Red/I’m Gonna Miss You” di Sick Thoughts, un malato paranoico che con quest’uscita conferma appieno la propria natura. Due pezzetti due che della bassa fedeltà se ne fanno un baffo, macinando impunemente Motorhead + punk + vomito nichilista. Fa tutto da solo e si sente. Garantito. Il pene oceanico o l’oceano del pene. Chi lo sa cosa hanno in mente i Bikes, costola dei Demon’s Claws di stanza a Berlino. Il loro one side propone due brani eccellenti, “Ocean Penis” (appunto…) e “Can’t Wait”. Melodia, divertimento, sporcizia garage con armonia nelle forme. Continuando così potrebbero prendere il posto dei padri. I Drags invece sono i figliocci di Matthew Melton (Bare Wires, Warm Soda) che produce, mixa e masterizza due pezzi magnifici. Ormai l’accoppiata suoni sugar/dirty e voce sussurrata (“da figlio di puttana” come azzecca puntualmente il buon Gabriele) sta facendo scuola. “Sense” stordisce premendo sull’acceleratore e “Sticks and Stones” culla con dolcezze a tratti inasprite da una chitarra gratta cervelli.
Andate a caccia di questi gioiellini, di corsa però, che le tirature sono basse. E magari prenotate le prossime uscite su www.facebook.com/gabriele.d.gregorio.77?fref=ts . State tranquilli: saranno sempre cose di cui non potreste farne a meno.

Ascoltate on line qui: https://soundcloud.com/goodbye-boozy-records

Eugenio Di Giacomantonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *