Fuzz Club Eindhoven 2019

Fuzz Club Eindhoven 2019 ha annunciato altre 5 band che si esibiranno al festival psichedelico olandese, venerdì 23 e sabato 24 agosto al leggendario Effenaar di Eindhoven.
Dopo i nomi dei primi gruppi (tra cui – fra gli altri – Kikagaku Moyo, The Soft Moon, Iceage, The KVB e The Telescopes), Fuzz Club Records e Eindhoven Psych Lab hanno tirato fuori dal cilindro altre meraviglie.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito ufficiale di Fuzz Club Records, mentre i biglietti possono essere acquistati qui.

A seguire ecco le cinque nuove aggiunte, alle quali se ne accompagneranno altre alla fine di questo mese.

Teeth of the Sea
Una delle migliori formazioni in circolazione. Elettronica, jazz, psichedelia, kraut, post rock: c’è di tutto nel loro sound. Il recente Wraith è già di diritto uno dei migliori lavori del 2019. Poco altro da aggiungere.

Froth
Da Los Angeles, un quartetto che unisce psych, shoegaze e noise rock nello stile di My Bloody Valentine e The Swirlies. In Europa hanno già aperto le date di Ride e Interpol. Tre dischi all’attivo, l’ultimo dei quali è Outside (Briefly) del 2017.

Snapped Ankles
Loro lo chiamano Agrocultural Punktronica, nei fatti è un post punk che lascia senza fiato. Chi li ha visti dalle parti di East London ne è rimasto folgorato. Stunning Luxury è uscito da poco ed è già stato indicato da più parti come uno dei migliori dischi dell’anno.

Acid Baby Jesus
Da Atene, 60’s garage e psych si incrociano a melodie sghembe e colori iridescenti. Dieci anni di concerti alle spalle e tre dischi all’attivo, l’ultimo in ordine di tempo Lilac Days, uscito proprio per Fuzz Club due anni fa. Una voce lisergica per uscire dalla crisi.

Les Big Byrd
Collaboratori di Anton Newcombe, questi simpatici svedesi di Stoccolma elargiscono dosi di kraut, psych pop e space rock. Dopo aver esordito nel 2014 con They Worshipped Cats, sono tornati nel 2018 con Iran Iraq IKEA via PNKSLM.