DEAD DOGS, THE – Demo 2005

Sludge core bardato metal e crossover proveniente da Napoli, è questa la strada intrapresa dai promettenti The Dead Dogs, quartetto che fa dell’aggressività violenta la sua cifra stilistica significativa. D’altronde Napoli in ambito rock e metal è stata all’apice proprio quando il disagio urbano partoriva grandi gruppi thrash, hardcore, death e crossover. I nostri appartengono a quest’ultima schiera ma il loro spettro d’azione abbraccia vari campi: non ci sono solo chitarre affilate e vocals brutali, c’è anche un gusto spiccato per tonnellate di groove al limite dello stoner e forti strizzatine d’occhio verso gli orpelli southern e sludge di Down, Alabama Thunderpussy, Crowbar e Corrosion Of Conformity.Se infatti in “Plastic face” e “Best friend” sono Pantera, Machine Head ed Entombed le influenze che balzano più all’orecchio (tonnellate di riff grezzi e tonanti, ritmiche trita tutto, growls incazzati, giusto qualche pausa per smorzare i toni e ripartire a pestare), “Red altert”, che è non a caso il brano meglio riuscito del dischetto, è impreziosita da un giro heavy blues che emana groove a più non posso. È dunque questo il terreno sul quale i Dead Dogs dovrebbero impegnarsi e proseguire per trarne i risultati migliori. Tanto è vero che la conclusiva “The blando” inciampa sul solito problema: picchiare giù duro o avvolgere con ossessive svisate elettriche?
I Dead Dogs sembrano ancora indecisi su quale strada prendere. Dal nostro punto di vista non possiamo che augurar loro di andare là dove porta il groove…

Alessandro Zoppo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *